BLACK KISS

 

Black Kiss è una serie di fumetti americani erotici hardboiled del 1988 scritta e disegnata da Howard Chaykin.

I contenuti sono piuttosto controversi e forti, con scene esplicite che, ai tempi, attirarono molte polemiche.
Lo stesso stampatore della Vortex Comics si rifiutò di pubblicare il libro a causa delle sue tematiche indecenti, riservate a un mercato per soli adulti. La Vortex, quindi, mise in vendita i fumetti della serie all’interno di una busta di plastica sigillata così da scoraggiare eventuali passanti dall’aprire la confezione e vederne le pagine interne.

Quindi perché recuperarlo?

È una storia che – devo dire la verità – mi è sembrata inizialmente piuttosto piatta. Non capivo dove andasse a parare ma, con l’avanzare della trama, si è trasformata in una vicenda sempre più intricata, interessante… e occulta.

Non posso dirvi altro, però vi rimando alle parole dell’autore: “Il libro fu fatto in un momento in cui si parlava seriamente di provare a creare un sistema di classificazione per i fumetti. L’idea, quindi, era di realizzare una storia che sarebbe stata spaventosa e offensiva… e, soprattutto divertente”.

MARTEDÌ DELLO XENO – GLI YAG

 

Oggi al MARTEDÌ DELLO XENO, una specie aliena dell’universo di Conan il Barbaro.

Gli Yag sono creature umanoidi provenienti dal pianeta omonimo, verde e rigoglioso, situato ai confini dell’universo, molto lontano dalla Terra.

Hanno il corpo essenzialmente uguale a quello degli uomini, ma una grande testa che ricorda quella degli elefanti, con tanto di proboscide prensile, zanne e grosse orecchie.
In più, sono dotati di un paio di larghe ali piumate che consentono loro di volare anche nello spazio e di conseguenza, anche se non è ben chiaro come, sono in grado di resistere nel vuoto cosmico senza problemi.

E questa non è la loro unica capacità sorprendente: gli Yag sono infatti maestri della stregoneria, depositari di conoscenze e incantesimi ancestrali potentissimi. Ed è probabilmente per questo motivo che dimostrano spiccate capacità extrasensoriali come chiaroveggenza, retrocognizione e persino precognizione.

In una delle sue tante avventure, Conan incontra Yag-Kosha, l’ultimo esponente della specie presente sul nostro pianeta, fatto prigioniero da un mago malvagio.

Questi racconta al Cimmero di come, molto prima che la specie umana esistesse, il pianeta Yag fu teatro di una terribile guerra civile che portò alcuni degli abitanti a scegliere l’esilio, cercando un’esistenza pacifica da qualche altra parte nell’universo.
Giunti sulla Terra dopo un lungo peregrinare nello spazio, gli esuli Yag scelsero di vivere isolati, senza interferire con lo sviluppo delle civiltà autoctone (anche se qualcuno, pare, non fu proprio ligio al proposito e finì con il farsi venerare come un dio).
Col tempo, poi, la popolazione andò diminuendo fino a raggiungere l’orlo dell’estinzione.

L’APOCALISSE RACCONTATA AI BAMBINI con BRUNO ENNA [PODCAST-POCALITTICO EP. 6]

Una serie di incontri-intervista con altri autori che trattano il genere post-apocalittico in Italia per parlare delle loro opere (libri, film, GDR, fumetti), di cosa li ispira e, soprattutto, della loro visione di un futuro distopico.

L’ospite di quest’ultimo episodio è Bruno Enna, sceneggiatore e fumettista che collabora principalmente con Sergio Bonelli Editore e Walt Disney Italia.

Con lui ho parlato de Gli Evaporati, la sua storia a fumetti (disegnata da Davide Cesarello) che porta questi temi dove meno ce lo si aspetterebbe: su Topolino!

Se siete più comodi, la versione solo audio di questo contenuto è disponibile su Spotify.

Buon ascolto, sopravvissuti 💣💣

***

– “Gli Evaporati” è stato pubblicato in 5 episodi su Topolino, numeri dal 3510 al 3514
– “Gli Evaporati 2” è stato invece pubblicato sui numeri dal 3538 al 3542

Potete tranquillamente ordinarli presso la vostra fumetteria di fiducia o, se siete più comodi, sullo store online della Panini.

Musica di sottofondo: ELPHNT – A Great Darkness Approaches, Can You Feel It?
Musica della sigla: Zachariah Hickman – The Colonel
Voce narrante della sigla: Francesco Gozzo

LO SPADACCINO NEL REGNO DELLA RUGGINE con SPUGNA [PODCAST-POCALITTICO EP. 4]

Una serie di incontri-intervista con altri autori che trattano il genere post-apocalittico in Italia per parlare delle loro opere (libri, film, GDR, fumetti), di cosa li ispira e, soprattutto, della loro visione di un futuro distopico.

L’ospite di questo episodio è Tommaso di Spigna, in arte Spugna, fumettista e illustratore con uno stile molto particolare.
Con lui ho parlato principalmente di The Rust Kingdom, una storia di vendetta ricca di carne deforme e fatta a fette, che si svolge in una terra desolata.

Se siete più comodi, la versione solo audio di questo contenuto è disponibile su Spotify.

Buon ascolto, sopravvissuti 💣💣

***

Link alla pagina di The Rust Kingdom sullo store di Hollow Press
Necromancer Edition (la versione deluxe)
Linktree di Spugna

Musica di sottofondo: ELPHNT – A Great Darkness Approaches, Can You Feel It?
Musica della sigla: Zachariah Hickman – The Colonel
Voce narrante della sigla: Francesco Gozzo

MARTEDÌ DELLO XENO – IL COLLEZIONISTA

 

Oggi, al MARTEDÌ DELLO XENO, il Collezionista dell’universo Marvel.

Il suo vero nome è Taneleer Tivan ed è un personaggio dei fumetti creato da Stan Lee e Don Heck. Nei film viene interpretato da Benicio del Toro.

Si tratta di uno degli Antichi dell’Universo, infatti è nato miliardi di anni fa, sul pianeta Cygnus X-1. È una creatura davvero potente: immune all’invecchiamento, alle malattie, in grado di sopravvivere nello spazio esterno e con l’abilità di manipolare l’energia cosmica. In più, prevede anche il futuro.

Per milioni di anni, il Collezionista è rimasto su un mondo sconosciuto insieme alla sua famiglia, spendendo le giornate a meditare ma quando la moglie Matani rinunciò all’immortalità, il Collezionista capì di avere bisogno di un hobby per mantenere integra la sua sanità mentale e cominciò a collezionare artefatti e creature rare in giro per l’universo. Questo divertente passatempo divenne presto un’ossessione che lo portò a desiderare qualsiasi rarità solo per il piacere di possederla.

Tra gli oggetti più particolari troviamo l’Assimilatore Temporale, che gli permette di viaggiare nel tempo, una cappa di levitazione e un’armatura dell’indistruttibile metallo Etherion.

Per un periodo di tempo, ha anche posseduto una delle Gemme dell’Infinito, inconsapevole, però, del suo potenziale.

PODCAST-POCALITTICO (ANTEPRIMA)

Con questo breve trailer vi presento il PODCAST-POCALITTICO, una serie di incontri-intervista con altri autori che trattano il genere post-apocalittico in Italia per parlare delle loro opere (libri, film, GDR, fumetti), di cosa li ispira e, soprattutto, della loro visione di un futuro distopico.

La prima stagione si compone di 6 episodi, ne caricherò uno nuovo ogni venerdì a partire dal 26 gennaio.

Musica di sottofondo: Musica di sottofondo: Zachariah Hickman – The Colonel
Voce narrante: Francesco Gozzo

MARTEDÌ DELLO XENO – IL CAPOTRENO DEL GALAXY EXPRESS 999

 

Oggi al MARTEDÌ DELLO XENO un personaggio nato dalla matita di Leiji Matsumoto.

Il Capotreno, talvolta chiamato anche semplicemente “Controllore”, è l’impiegato delle Ferrovie Galattiche responsabile del treno Galaxy Express 999, a cui è fortemente affezionato.

Non molto alto e dal fisico piuttosto rotondo, indossa sempre un’uniforme color blu scuro, dei guanti e un grosso cappello da ferroviere. Sul braccio sinistro porta inoltre una fascia bianca sulla quale è riportato il numero della corsa.
Le sue reali fattezze, però, sono un mistero: il viso è infatti perennemente avvolto nell’ombra, nascosto tra il cappello e il colletto portato molto alto, cosa che mette in risalto due brillanti occhi gialli.
Non si conosce il nome della sua specie, ma sembra che il corpo sia composto da gas pressurizzato incolore tenuto insieme, per altro, proprio dalla divisa. Motivo per cui, anche aprendone la giacca, sotto non si vedrebbe nulla.

Come carattere si dimostra sempre composto e amichevole, anche se è molto pignolo nell’applicazione dei regolamenti delle Ferrovie Galattiche. Prende infatti molto sul serio il suo ruolo e i doveri che ne conseguono, soprattutto la sicurezza di passeggeri.
Il suo buon cuore, tuttavia, più di una volta lo porterà a fare delle eccezioni.

INCONTRO CON IL VAMPIRO – IL BARONE MEIER LINK

 

E allora andiamo avanti con questo lunedì del vampiro e parliamo del Barone Meier Link, creatura dell’universo di Vampire Hunter D.

Appare come un giovane ed elegante gentiluomo, con un viso pallido, occhi rossi e capelli bianchi (legati in una coda di cavallo bassa).

Siamo tutti d’accordo che Meier sia OGGETTIVAMENTE adorabile?
Gentile, protettivo, aperto al dialogo. Crede nella convivenza tra vampiri e umani e non gode nel terrorizzare questi ultimi, soprattutto non li giudica solo bestiame da cui attingere per nutrirsi.

Profondamente innamorato di Charlotte Elbourne, un’altra sua caratteristica che mi sento di esaltare è quell’invidiabile self control che mantiene per tutta la storia.
Infatti Charlotte passa la maggior parte del tempo a proporgli il collo, di fatto mettendolo di fronte a una tentazione piuttosto irresistibile ma lui rifiuta sempre di cedere. Questo perché non vuole che viva nella dipendenza, con il costante desiderio di sangue che la renderebbe schiava di una natura violenta e animalesca.

Il sentimento di Meier, in ogni caso, va oltre il semplice amore: le è del tutto devoto e la ricerca di un luogo dove vivere felici insieme è diventata la forza trainante della sua vita.

“I don’t want you to worry about these wounds of mine. They will heal. And then we shall go to the City of Night and Distant Stars. When we go there, we can be alone and free to love each other.”

Close